Articolo: quanto l’HFT e il program trading sono importanti per il mio metodo di trading e potrebbero esserlo nel vostro? – Parte 1 (Italian Language)

Alcuni sottoscrittori della mia newsletter e persone con cui interagisco sui social networks, ma anche nella vita reale, spesso mi chiedono come l’High Frequency Trading (HFT) e gli algoritmi computerizzati che tradano i mercati (il cosidetto program trading) possano essere sfruttati nel proprio trading. Prima di tutto cosa e’ l’HFT? Una semplice definizione per l’High Frequency Trading e’ una pratica che cerca di ottenere un vantaggio sulle piu’ piccole differenze di prezzo che possono essere sfruttate attraverso una esecuzione di trade velocissima — dell’ordine di millisecondi — usando infrastrutture tecniche computerizzate direttamente collegate ai mercati americani (come AMEX, NYSE, NASDAQ, CME).

Per avere un’idea di cosa tali programmi siano in grado di fare ed i relativi effetti, si puo’ leggere il mio articolo HFT and program trading is everywhere(disponibile solo in Inglese). Tuttavia ci sono anche programmi e algoritmi che hanno un effetto meno perturbante, ma non meno importante, perche’ mantengono una forte presa su alcuni mercati, per non dire che ‘fanno funzionare’ questi mercati. Su alcuni mercati, infatti, questi programmi sono attivi su tutti i timeframe, dal settimanale giu’ sino al grafico dei TICK, e la loro presenza e’ cosi diffusa che spesso tradano uno contro l’altro, seguendo esattamente le stesse regole. Perche’ le cose stanno cosi? Probabilmente alcune delle ragioni sono:

  1. il futuro non e’ noto e tradare contro il trend corrente e consolidato potrebbe significare trovarsi in un’ottima posizione qualora un cambiamento del trend dovesse arer luogo;
  2. i progettisti dei programmi computerizzati hanno identificato modi di tradare il mercato, estraendo costantemente profitti parziali dal mercato, e mantenendo allo stesso tempo delle posizioni parziali in caso di continuazione del movimento in uno piu’ ampio nel timeframe oggetto di trading, od anche nel timeframe immediatamente piu’ alto;
  3. i programmi realizzano profitti nel rispetto della e facendo leva sulla psicologia di gruppo dei trader del mercato. Se desiderate avere un’idea di quale sia tale psicologia vi invito a leggere l’articolo The Bandwagon Theory (disponibile solo in lingua Inglese), le cui considerazioni si applicano egualmente ai trader intraday, swing cosi come agli investitori;
  4. rimuovendo le emozioni dal trading, i programmi computerizzati ottengono anche un vantaggio addizionale che solamente i trader discrezionari con una fortissima disciplina possono avere.

Personalmente non ho dubbi sulla presenza del program trading nel mercato operanti su strumenti finanziari utilizzati per l’hedging del rischio come i futures sul Forex, gli indici azionari e-mini, l’oro, i titoli del mercato americano a 30 anni, e molti altri strumenti, e questa presenza ed i suoi effetti formano le basi per il mio metodo di trading. Questi algoritmi basano la propria logica sulla psicologia comune dei trader, che troppo spesso comprano le lunghe candele verdi o bianche,  mentre dovrebbero venderle, e vendono le lunghe candele rosse o nere, mentre dovrebbero comprarle. Naturalmente non dovete prendere le mie parole per legge od oro colato e siete invitati a verificare le informazioni. I dati di ricerche sui mercati finanziari mostrano che un volume di trading variable dal 60% al 90% (alcuni analisti menzionano percentuali maggiori, sino a 94%!) e’ generato da transazioni sui contratti futures e molte azioni sui mercati Americani attraverso algoritmi computerizzati.

Mentre questi numeri sono certamente controversi e discutibili e continuamente sottoposti a ricerca e discussione, i numeri effettivi non sono molto importanti perche la prova che algoritmi computerizzati esistono e partecipano regolarmente a specifici livelli di prezzo, ben identificabili con buon anticipo su diversi timeframe, e’ nel comportamento del prezzo stesso. Coloro che seguono le mie video analisi sanno che identifico regolarmente ed in anticipo validi livelli di supporto e resistenza, oltre che livelli di fallimento del trend in atto nei diversi timeframes. E questo solamente analizzando il prezzo con l’uso delle regole sintetizzate osservando gli effetti del program trading. Non posso dire che le mie regole siano esattamente le stesse usate dai programmi di trading, ma esse sono in grado di ‘spiegare’ i movimenti del prezzo molto bene e questo dovrebbe essere sufficiente per un trader, e certamente lo e’ per me. Grazie a quelle regole ogni giorno e’ possibile osservare il prezzo reagire e rimbalzare da specifici livelli di prezzo che possono essere identificati con ore, e spesso giorni in anticipo. Inoltre, dopo aver rimbalzato da questi livelli, il prezzo spesso raggiunge specifici livelli di target, dove i profitti vengono sistematicamente realizzati. Anche questi livelli di target possono essere identificati in anticipo e sono strettamente correlati con le stesse aree nelle quali il prezzo ha inizialmente sperimentato una forte partecipazione ed ha invertito direzione. I trader professionisti e gli algoritmi computerizzati (program trading) prendono i profitti a questi livelli. Di nuovo la prova e’, a tutti gli effetti, nel prezzo.

In qualita’ di analista tecnico, ma specialmente in qualita’ di studente dei mercati e trader, sono sicuro dell’esistenza di algoritmi che funzionano regolarmente su alcuni contratti futures, incluso il contratto Euro-dollar  FX currency futures che seguo e trado giornalmente. Le regole che uso funzionano anche su molti mercati azionari Americani ed Europei e, in generale, funzionano bene su azioni fortemente scambiate: la chiave e’ chiaramente partecipazione ed alti volumi. Le regole di trading sono state identificate sulla base di osservazioni di pattern di prezzo che si ripetono su tutti i timeframes, grazie alla scrupolosa e dettagliata azione del program trading ed il ripetuto comportamento di trader non professionisti che condividono la stessa, fallace psicologia. Comprendere ed imparare queste regole mi ha consentito di creare una struttura logica di riferimento nel quale i movimenti del mercato hanno senso. Le decisioni prese attraverso l’applicazione delle regole, con i relativi cambiamenti di direzione predetti, e solitamente non anticipati dall’Analisi Tecnica (TA) tradizionale, sono spesso contrarie a quanto la massa pensa di fare e poi fa normalmente. E questo fatto mi conforta che il mio metodo e’ il modo giusto di approcciare i mercati, o almeno lo e’ per me. Andrete per il percorso tradizionale di apprendimento nell’uso dalla TA, o volete scoprire se vale la pena imparare le regole usate del Program Trading e la differenza che potrebbero fare nel vostro trading? A voi la scelta.

Questo articolo e’ apparso sulla mia Newsletter gratuita che ho inviato domenica scorsa 21 Ottobre. La newsletter normalmente contiene vari articoli che includono: una video-review del fine settimana sul cambio Euro-Dollaro e altre coppie forex, indici o commodities, articoli riguardanti il mio metodo di trading, commenti al mercato e anche articoli, come quello appena letto, relativi all’HFT e Program Trading. Potete registrarvi qui per ricevere la newsletter gratuita settimanalmente e leggere la seconda parte di questo articolo.

Se avete trovato questo articolo interessante, vi prego di condividerlo con i vostri amici e colleghi trader. Grazie

Buon fine settimana.

Advertisements

Leave a comment

Filed under Articles, Italiano (Italian language), Program Trading, Trading Method

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s