Monthly Archives: November 2012

USD/JPY & EUR/AUD review, November 30th 2012 (English Language)

Hello traders,

this morning I worked on review of two interesting pairs. They are very technical and my method works very well on them. The two pairs are:

  • US Dollar versus Japanese Yen (USD/JPY);
  • Euro versus Australian Dollar (EUR/AUD);

I have analyzed the first pair, USD/JPY on November the 21st when I have indicated a trading plan for this pair, as well. Price behaved as anticipated and the 80.67 anchor I have indicated is now in play. The support level and long setup is 81.80 having two targets above at 83.30 and 84.10. Any opportunity to get long should be taken with a stop below 81.50 or, more aggressively, below 82. Notice, however, that the 81.80 level could be retested.

I regularly feature the USD/JPY pair in my weekly FibStalker View on Currencies (see an example here) I share with my Newsletter subscribers.

On the other hand, it’s the first time I analyze the EUR/AUD pair in my blog and I have to say that this pair is also a good one to trade and keep an eye on. My trading method works very well on it. Long-term this pair is trading in weekly extension shorts and the next resistance and short setup is at 1.2770. But should price be able to decisively climb above the 1.3040 level the long-term sequence lower would be negated and the EUR/AUD could have the possibility to move higher into the 1.63 area.

This seems a long way but should the commodity bubble in Australia burst the Euro could strengthen, also because the market has somehow already discounted its debt bubble and with the US Dollar weakness money could actually be channeled into the Euro rather than the Aussie. We don’t possibilities or ideas, fundamentals or what could actually happen, though: we trade price.

Moving into the daily chart we can see support at the 1.2220 area with a first target at 1.3110. Such target would negate the sequence of measured moves short on the weekly and open up the possibility for higher prices. We are at daily targets at the moment and we could see support at 1.2370 and 1.2330, before continuing higher.

You can watch the below review and analysis video for more information:

Please, subscribe my free newsletter below so I can include you in the distribution list for updates on these pairs:

Thank you for subscribing should you decide to do so. Lots of other people are doing the same.

If you intend using this information for your trading please do your own diligence, find the advice of a trading professional and trade at your own responsibility. The information provided is for educational purpose only. Please read the Disclaimer and accept all the risks. Thank you.

Have a good day

Leave a comment

Filed under English language, Forex, Trading Plan

Analisi Euro-Dollaro, 30 Novembre 2012 (Italian Language)

Buongiorno,

qui sotto trovate la video-analisi dell’Euro FX futures per oggi 30 Novembre:

Non ci sono cambiamenti rispetto all’analisi fornita ieri. Il movimento tradizionale al rialzo ed area di supporto in 1.2880 ha due target al di sopra dei prezzi attuali: il primo in 1.3080 ed il secondo in 1.3180 (massimi precedenti). Non si puo’ escludere che il prezzo torni a muoversi al ribasso ritestando l’area 1.2880, tuttavia anticipo che questo livello dovrebbe riuscire a tenere il prezzo (forte supporto) e, conseguentemente, il livello di prezzo 1.2840 dovrebbe comportarsi come un buon e sicuro livello stop-loss.

In uno o due giorni la media semplice a 20 giorni, che ha gia’ incominciato a ruotare verso l’alto, dovrebbe supportare il prezzo e fornire forza ulteriore all’area di supporto individuata in 1.2840-80. Oggi e’ venerdi e non e’ il momento piu’ adatto per aprire posizioni o aggiungere alle esistenti, quindi consiglio cautela.

Ieri ho inviato l’aggiornamento infra-settimanale (mid-week update, un esempio e’ disponibile qui) ai sottoscrittori della mia Newsletter e ho incluso una vista aggiornata del mio piano di trading per l’Euro (un esempio del piano e’ disponibile qui).

Redico una newsletter gratuita in due lingue (italiano e inglese) ed in essa fornisco video review del fine settimana ed aggiornamenti infra-settimanali, con piani di trading per Euro, indice S&P500 ed alcune azioni, ed informazioni di dettaglio sui setup di trade nel forex (prima che avvengano). La newsletter viene di solito spedita la domenica (mentre l’aggiornamento infra-settimanale il mercoledi successivo) ed include materiale didattico, articoli, video review settimanali ed altre informazioni che non condivido sul Blog. Per registrarsi fate click sull’immagine qui sotto.

Vi ringrazio in anticipo se deciderete di sottoscrivere la newsletter. Molte persone lo hanno gia’ fatto.

Buona giornata.

Leave a comment

Filed under Euro FX analysis and trade setups videos, Italiano (Italian language)

Euro-Dollar Analysis, November 30th 2012 (English Language)

Good morning,

hereunder is your video-analysis of the Euro FX currency futures for today November 30th:

No big changes with respect to yesterday’s analysis. The traditional long and support area at 1.2880 has two targets above: the first at 1.3080 and the second at 1.3180 (previous highs). We cannot exclude for price to move lower again into the 1.2880, but I anticipate this level is going to hold and the 1.2840 should be a safe stop-loss level.

In one or two days the 20-day SMA, that has started turning higher, should also support price and provide additional strength to the 1.2840-80 support area. Today is Friday so it’s no time to open new positions or to trade the Euro. Yesterday I have sent the mid-week update (see an example here)to my subscribers  where I have included an updated view on the Euro trading plan (an example of my plans here).

I write a weekly newsletter. If you want to have  access to trading plans, watch weekly video reviews as I record them, or get information on setups for the Euro-Dollar cross, the S&P500 index and some high volume  stocks (before they happen), please subscribe my newsletter. It’s free and you get additional content, market commentaries, setups, e-books, articles on HFT and program trading, learning material and video-analysis that I don’t make available on my blog.

Thank you for subscribing should you decide to do so. Lots of other people are doing the same.

If you intend using this information for your trading please do your own diligence, find the advice of a trading professional and trade at your own responsibility. The information provided is for educational purpose only. Please read the Disclaimer and accept all the risks. Thank you.

Have a good day

Leave a comment

Filed under English language, Euro FX analysis and trade setups videos

Bank of America (BAC) video analysis and trading plan, November 29th 2012 (English Language)

Hello traders,

I recorded a review for Bank of America (BAC), a well-known stock traded on the NYSE.

Hereunder is my video analysis for BAC:

The stock resumed its move lower on April 2010 and traded a resistance level and short setup at 15.30 with targets at 8.80 and 5.40. Notice as program trading came in right at the second target at 5.40 to take profits and price could not move lower.

It took three months during the last quarter of 2011 for price to reverse. When price climbed above the 8.65 level the larger sequence down was interrupted. Ball passed to bulls which were not initially capable of defending the 6.90 level. Eventually the 7.50 support area started getting participation and, on a second test at the end of July this year, bulls were able to defend their position.

The support and long setup area at 7.50 has targets at: 11.30 (1st target) and 13.30 (2nd target). In the above video I focused on a trading plan for the first target. In fact, you should also notice that a potentially strong resistance level is located at 12.40.

On the daily chart I could locate current supports at 8.90 and, on a shorter timeframe, the 9.40 support. The 8.90 support and long setups has targets at 10.40 and 11.30. The second target nicely lines up with the 11.30 first target of the larger weekly support at 7.50, therefore showing good chances for price to get there. Find hereunder the trading plan for BAC:

“A trading plan for Bank of America (BAC)” (published Nov 29th, 2012)

“A trading plan for Bank of America (BAC)” (published Nov 29th, 2012)

For your information I write a free Newsletter I send over on Sundays and a mid-week update (see example here) along with other information, typically including: a weekly review for the Euro-Dollar cross and other Forex pairs, indices or commodities futures, articles on my trading method, market commentaries and HFT/Program Trading. Please, register here to receive the free weekly newsletter.

If you like this analysis, please share it with your friends and fellow traders. Thank you.

Leave a comment

Filed under English language, Stocks, Trading Plan

Last week’s (Nov 22nd) Trading Plan for the Euro (English Language)

Hello traders,

I am sharing the trading plan for the Euro I have sent last week to my newsletter subscribers in the last mid-week update. I will update this plan tonight with what I expect in the Euro going forward.

"A trading plan for the Euro moving forward" (published Nov 22nd, 2012)

“A trading plan for the Euro moving forward” (published Nov 22nd, 2012)

(Click here to enlarge)

‘This week price inverted direction from the price level at 1.2665. In the weekly video review for the Euro-Dollar FX I explained the reasons why we could have seen the lows in the Euro. For the time being I will assume the Euro has identified its support level (of course market can do anything and we could still see lower prices). I have identified two new reference scenarios to keep in mind (please refer to the below picture).

Scenario 1: we can anticipate  price moving into the 1.2880 target and resistance level and then we could see a swift move lower of 1 or 2 days with price moving into the 12700 area again. This would be a sort of retest of lows allowing European desks to load up longs. If some big players still need a fill in the Euro expect this scenario (the high probability scenario). After the re-test of lows we should see the new leg higher in the Euro starting.

Scenario 2: if the big money has already had the possibility to load up the boat (I am not sure this is the case and this week is a low volume and low participation week and price is easy to manipulate) price could just keep moving higher into the extension target at 1.2930 and then keep trading in extensions, with the next support level at 1.2930.

For indication on the Dollar Index watch tonight’s Mid-Week update (read below if you are not already a newsletter subscriber).’

Thus scenario 2 played out and I think we can rule out the scenario 1 for the time being.

I send my free Newsletter on Sundays and mid-week updates on Wednesdays along with other information. This week I will send the mid-week update on Thursday (tonight) and you are still in time (see an example here). The newsletter typically includes: a weekly review for the Euro-Dollar cross, my FibStalker View on Currencies focusing on Forex pairs, articles on my trading method, market commentaries and HFT/Program Trading. Please, register here to receive the free weekly newsletter.

If you like this article, please share it with your friends and fellow traders. Thank you.

If you want to receive such videos, please subscribe my free newsletter.

Thank you in advance for subscribing should you decide to do so. Lots of other people are doing the same.

If you intend using the information provided in this post and in my blog for your trading please do your own diligence, find the advice of a trading professional and trade at your own responsibility. The information provided here is for educational purpose only. Please read the Disclaimer and accept all the risks. Thank you.

Have a great evening.

Leave a comment

Filed under Articles, English language, Euro FX setups and trades, Trading Plan

Last Mid-week Update, Nov 22nd 2012 (English Language)

Hello all,

few weeks ago I started sending mid-week updates on the Euro FX, Dollar Index and S&P500 e-mini futures to my free Newsletter subscribers in order to provide additional information while thanking followers for support and continued interest in my work. In this post I am providing another example of such mid-week updates. Mid-week updates also include trading plans for the Euro cross & SP500 index (not included in this sample). If you want to see an example of trading plan, refer to the one published this week on the S&P500.

‘I have recorded a brief video in which I reviewed the Dollar Index, the Euro-Dollar and the S&P500. I reviewed each contract in the mid-term timeframe (daily chart). As weakness in the Dollar has started again, as anticipated, and the Euro found support in the 1.2670 area we should now see the start of the new leg higher. The behavior of S&P500 price will decide whether we get  the divergence or not. Please find the video update below.’

This week action confirmed the support in the 1.2670 area and the start of the new leg higher in the Euro with targets at 1.3420 and 1.3830.

If you intend using the information provided in this post and in my blog for your trading please do your own diligence, find the advice of a trading professional and trade at your own responsibility. The information provided here is for educational purpose only. Please read the Disclaimer and accept all the risks. Thank you.

Notice that I will only post mid-week updates to subscribers of my Newsletter. Register for free here.

I send my free Newsletter on Sundays along with other information. The newsletter typically includes: a weekly review for the Euro-Dollar cross, my FibStalker View on Currencies focusing on Forex pairs, articles on my trading method, market commentaries and HFT/Program Trading. Please, register here to receive the free weekly newsletter.

If you like this website, please recommend it to your friends. If you want it to be better, please, leave me a feedback (comment below).

If you want to receive mid-week updates, along with the contents of my Newsletter, please subscribe for free.

Thank you in advance for subscribing should you decide to do so. Lots of other people are doing the same.

Leave a comment

Filed under Articles, Newsletter, Weekly review

Articolo: HFT e illiquidita’ nei mercati – Parte 3 (Italian Language)

Con questo articolo continuo la serie dedicata all’High Frequency Trading (HFT) e al Program Trading, dai quali derivo il mio vantaggio nel trading (edge). Nei precedenti articoli ho spiegato brevemente cosa siano l’HFT e il program trading. Quindi ho spiegato come il Program Trading fa una differenza nel mio trading e, infine, due settimane fa ho iniziato una nuova serie relativa all’illiquidita’ prodotta dalla presenza di HFT. L’HFT e’ davvero pericoloso per la salute dei mercati. Qui sotto la lista degli articoli pubblicati, in questo ambito, sino ad ora:

Nell’ultima parte della mia serie intitolata HFT e illiquidita’ nei mercati (parte 2) ho fornito i risultati di alcune ricerche scientifico-economiche focalizzate sugli aspetti ed effetti dell’HFT. Questa settimana analizzo in maggiore dettaglio i cicli di feedback che sono alla base dell’instabilita’ nei mercati provocate dall’HFT. Nel prossimo articolo analizzero’ il processo sociale noto come normalizzazione della devianza e quali sono gli effetti sulla stabilita’ di mercato.

I cambiamenti e le fluttuazioni nel valore del mercato sono sempre da attendersi, tuttavia se un cambiamento e’ sufficientemente ampio o inatteso e tale da compromette fondamentalmente il processo di risparmio ed investimento, corrodendo la fiducia, allora il cambiamento puo’ essere considerato un evento che ha a che fare con la stabilita’ finanziaria. Ad esempio, benche’ fosse stato un evento intra-day il Flash Crash del 6 maggio 2010, quando il mercato azionario americano ha perduto 600 punti in 5 minuti e ha quindi riguadagnato quasi tutte le perdite nel corso di 30 minuti, l’evento ha contribuito a ridurre la fiducia nei mercati azionari in modo sufficiente da essere seguito, per diversi mesi, dalla fuoriuscita di capitali dai fondi comuni privati americani.

Il trading basato sui computer (CBT) puo’ adottare stili di trading che consumano liquidita’ (cioe’ aggressivi) o che forniscono liquidita’ (passivi). In quest’articolo ci focalizziamo sugli algoritmi aggressivi. Anche se i volumi giornalieri dei mercati sono ampi, il volume secondo-per-secondo puo’ non esserlo. Ad esempio, anche se il mercato forex ha un turnover di oltre 4 trilioni di dollari al giorno, in media cio’ corrisponde solamente a 2,7 milioni di dollari di volume al secondo per valute come il cambio Euro-Dollaro. Anche in un mercato con tali volume, un ordine sufficientemente grande puo’ avere una forte influenza sui prezzi, anche in base a quanti ordini sono presenti nel mercato (la cosidetta “profondita’ del book”) in quell’istante di tempo.

Per quanto riguarda la stabilita’ finanziaria, un aspetto significativo e’ la dinamica non-lineare. In parole povere, il modo in cui un sistema cambia nel tempo si definisce non lineare se un dato cambiamento di una variabile puo’ o portare ad un piccolo cambiamento in un’altra variablie od ad un piu’ grande cambiamento in una terza variabile, sulla base del valore corrente della prima variabile. La complessita’ dei sistemi finanziari e la rete di interazioni tra agenti (societa’, individui, enti regolatori, mercati, programmi, etc.) rende la dinamica piu’ complessa. Il problema e’ che le dinamiche non-lineari complesse di sistemi in rete e’, quando comparata con altri campi della scienza, in uno stadio corrispondente infantile con riferimento alle concrete predizioni possibili e alle affermazioni di affidabilita’. Questo rende il lavoro degli enti regolatori molto difficile.

I crash del mercato sono presenti da decadi come, ad esempio, la storia del Flash Crash del 1962; tuttavia il crash del 1987 offre una buona illustrazione del tipo di eventi sistemici che l’esecuzione meccanica di regole implementata negli algoritmi di HFT e’ capace di generare: quello fu un declino del mercato dovuto ai meccanismi di assicurazione sul portafoglio (risk management). In quell’occasione, per gestire il proprio rischio via via che gli indici azionari persero valore, gli assicuratori di portafoglio sono stati obbligati ad aggiustare il loro portafoglio azionario usato per bilanciare il rischio. Tuttavia, il valore di quelle azioni era anche utilizzato per calcolare il valore dell’indici di riferimento (es. S&P500 oppure Dow Jones) e vendere le azioni ha contribuito a deprimere i prezzi, e cio’ ha spinto gli indici a livelli piu’ bassi; questo ha quindi causato altri aggiustamenti dei portafogli azionari, che spingendo il livello degli indici a livelli ancor piu’ bassi. Questo ciclo positivo di feedback, cioe’ gli effetti di piccoli cambiamenti del prezzo che cliclano all’indietro su se stessi nel sistema e producono un cambiamento di prezzo piu’ grosso, che di nuovo cicla all’indietro, e cosi via’, ha avuto un effetto profondamente deleterio, portando ad un importante e significativa liquidazione forzata di azioni. Questo esempio mostra come sembri piu’ probabile che,  nonostante i loro benefici, HFT e CBT possano condurre, piu’ ovviamente, a sistemi finanziari non-lineari nelle quali le crisi e gli eventi critici hanno maggiore probabilita’ di presentarsi, anche in assenza di frequenti shock fondamentali esterni.

L’instabilita’ dei mercati finanziari potrebbe essere implicata da:

  1. incrementata sensibilita’ quando le dinamiche finanziarie diventano sufficientemente non-lineari cosicche’ risultati anche molto differenti possono risultare da piccoli cambiamenti di una o piu’ variabili correnti;
  2. problemi relativi alle informazioni, ove la struttura informativa puo’ esacerbare o ridurre i movimenti di mercato. Ad esempio, agenti maliziosi potrebbero diffondere informazione per coordinare e creare un attacco ad una istituzione, strumento finanziario o valuta se un segnale largamente osservato dal pubblico e’ sufficientemente cattivo;
  3. rischi endogeni, collegati all’emergenza di cicli di feedback positivi, nocivi e che si rinforzino mutualmente, simili a quelli illustrati nel caso del crash del 1987.

Ci sono differenti cicli di feedback che possono contribuire alla causa del rischio endogeno per l’instabilita’ di mercato. Questi cicli includono:

  • Ciclo di feedback di rischio, ove alcune istituzioni finanziarie sono colpite da perdite che le forzano ad abbassare il rischio nei loro portafogli e libri contabili, e che richiede la vendita di strumenti finanziari rischiosi. Un piccolo shock di natura fondamentale puo condurre ad una sproporzionata vendita forzata. Una versione di questo rischio si applica ai market makers basati su HFT: date le piccole posizioni e le condizioni operative che limitano molto il rischio negli algoritmi di HFT, perdite ed incrementi di rischio spingono l’HFT a ridurre l’inventario, cioe’ a vendere i titoli posseduti, contribuendo quindi a deprimere il prezzo, e creando le condizioni per ulteriori perdite ed aumento del rischio, chiundendo il ciclo.
  • Ciclo di feedback di volume, gli algoritmi di HFT possono creare direttamente effetti di feedback attraverso la loro tendenza a mantenere piccole posizioni per brevi periodi di tempo e quindi passare la “patata bollente” ad altri programmi di HFT generando ampi volumi fasulli con la posizione complessiva netta che difficilmente cambia. Gli strumenti finanziari in questo scenario circolerebbero velocemente all’interno del sistema, e questo incremento di volume produrrebbe la partenza di altri algoritmi istruiti a vendere in modo piu’ aggressivo in mercati con altissimi volumi, chiudendo il loop.
  • Ciclo di feedback di profondita’, ove un incremento iniziale di volatilita’, dovuto ad esempio a news, allarga lo spread denaro-lettera. A parita’ di condizioni, gli ordini in ingresso a mercato sono piu’ efficaci nel muovere il prezzo di riferimento del mercato ed incrementare la volatilita’ che, a sua volta, genera spread ancora piu’ ampi, e il ciclo si chiude.
  • Ciclo di feedback di news, ove alcuni sistemi di HFT includono dei componenti di ascolto delle notizie che scremano i titoli delle news e agiscono su di esse immediatamente. Ad esempio gli HFT comprano o vendono sulla base di dove i prezzi si trovano in relazione al valore corretto stimato dai programmi; se le transazioni dei sistemi di HFT sono riportate a loro volta nei flussi di notizie, scremati e prelevati da altri sistemi di HFT cio’ puo’ condurre a trade similari, e il ciclo si chiude.
  • Ciclo di feedback di ritardo, ove in un movimento al ribasso dei prezzi un piccolo ritardo nella quotazione dei prezzi puo’ spingere l’HFT a redirigere gli ordini verso un mercato apparantemente piu’ attraente, nonostante il fatto che i prezzi effettivi fossero piu’ bassi (sono solamente percepiti piu’ alti, e sembrano tali, a causa del ritardo). Un secondo ciclo di feedback rinforza il primo: via via che i ritardi scivolano sempre piu’ nel mercato e crescono, l’incremento dell’attivita’ generato dal precedente ciclo di feedback puo’ generare ulteriori disallineamenti nei timestamps (date e ora) denaro-lettera delle trade, chiudendo e amplificando il ciclo di feedback delle quotazioni.
  • Ciclo di feedback dell’indice, ove la volatilita’ estrema di azioni, componenti individuali di indici ed ETF, in qualche modo ha effetto sullo stesso mercato dell’indice o ETF e obbliga a pause nelle attivita’ di market making. Cosi’ i falsi prezzi dell’ETF, ora illiquido, forniscono un falso segnale di fattore sistematico, ciclando indietro sulle azioni e componenti individuali, quindi chiudendo il loop.

Questo articolo e’ apparso nella mia Newsletter gratuita che ho inviato domenica 18 Novembre. Se trovate quest’articolo interessante vi prego di condividerlo con amici e colleghi trader.

Piu’ tardi nella giornata di oggi inviero’ il mid-week update with con una video analisi del Dollar Index, del cambio Euro-Dollaro e dell’indice S&P500 (potete trovare qui l’sempio publicato il 7  Novembre, disponibile solo in lingua inglese), con incluso un aggiornamento dei piani di trading per l’Euro e l’indice S&P500.

Per riceverlo vi prego di leggere qui sotto. Grazie.

La newsletter normalmente contiene vari articoli che includono: una video-review del fine settimana sul cambio Euro-Dollaro e altre coppie forex (FibStalker View on Currencies), indici o commodities, articoli riguardanti il mio metodo di trading, commenti al mercato, piani di trading per l’Euro ed S&P500 e anche articoli, come quello appena letto, relativi all’HFT e Program Trading. Potete registrarvi qui per ricevere la newsletter gratuita settimanalmente, cosi’ da poter leggere i prossimi articoli su program trading e HFT. Normalmente non pubblico tutti gli articoli sul blog.

Leave a comment

Filed under Articles, Italiano (Italian language), Program Trading, Trading Method

Analisi Euro-Dollaro, 29 Novembre 2012 (Italian Language)

Buongiorno,

qui sotto trovate la video-analisi dell’Euro FX futures per oggi 29 Novembre:

Dopo che il prezzo ha fallito il livello di supporto di estensione in area 1.2925-30 indicato il 27 Novembre,  con la violazione al ribasso del livello 1.2900, ho anticipato un ritracciamento piu’ profondo del prezzo con un test della media semplice a 20 giorni in area 1.2840. Cio’ non e’ avvenuto e l’Euro ha rispettato un livello di supporto non molto comune.

Si tratta del movimento tradizionale al rialzo nell’area di supporto 1.2880 che ha due target sopra i prezzi attuali: il primo a 1.3080 e il secondo a 1.3180 (massimi precedenti). Se il prezzo dovesse muoversi nuovamente al ribasso anticipo che l’area 1.2880 dovrebbe supportare il prezzo e 1.2842 dovrebbe essere un buon livello di stop-loss.

Se trovate questa analisi interessante vi prego di condividerla con amici e colleghi trader. Piu’ tardi nella giornata di oggi inviero’ il mid-week update with con una video analisi del Dollar Index, del cambio Euro-Dollaro e dell’indice S&P500 (potete trovare qui l’sempio publicato il 7  Novembre, disponibile solo in lingua inglese), con incluso un aggiornamento dei piani di trading per l’Euro e l’indice S&P500.

Per riceverlo vi prego di leggere qui sotto. Grazie.

Redico una newsletter gratuita in due lingue (italiano e inglese) ed in essa fornisco video review del fine settimana ed aggiornamenti infra-settimanali, con piani di trading per Euro, indice S&P500 ed alcune azioni, ed informazioni di dettaglio sui setup di trade nel forex (prima che avvengano). La newsletter viene di solito spedita la domenica (mentre l’aggiornamento infra-settimanale il mercoledi successivo) ed include materiale didattico, articoli, video review settimanali ed altre informazioni che non condivido sul Blog. Per registrarsi fate click sull’immagine qui sotto.

Vi ringrazio in anticipo se deciderete di sottoscrivere la newsletter. Molte persone lo hanno gia’ fatto.

Buona giornata.

Leave a comment

Filed under Euro FX analysis and trade setups videos, Italiano (Italian language)

Euro-Dollar Analysis, November 29th 2012 (English Language)

Good morning,

hereunder is your video-analysis of the Euro FX currency futures for today November 29th:

After failing the extension support level at the 1.2925-30, indicated on November 27th, I thought we would see a deeper retracement in the Euro going to test the 20-day SMA into the 1.2840 support level. This was not the case and price went to trade an uncommon support.

This is the traditional long at the 1.2880 area of support showing two targets above: the first at 1.3080 and the second at 1.3180 (previous highs). Should price move lower again I anticipate 1.2880 holding and the 1.2842 should be a good stop-loss level.

If you find this post interesting please share it with friends and fellow traders. Later on today I am going to send the mid-week update with a video-review of the Dollar Index, the Euro-Dollar cross and the S&P500 (see an example here published on November the 7th), plus an update on the trading plans for the Euro and the S&P500.

To receive it pleae read below. Thank you.

I write a weekly newsletter. If you want to have  access to trading plans, watch weekly video reviews as I record them, or get information on setups for the Euro-Dollar cross, the S&P500 index and some high volume  stocks (before they happen), please subscribe my newsletter. It’s free and you get additional content, market commentaries, setups, e-books, articles on HFT and program trading, learning material and video-analysis that I don’t make available on my blog.

Thank you for subscribing should you decide to do so. Lots of other people are doing the same.

If you intend using this information for your trading please do your own diligence, find the advice of a trading professional and trade at your own responsibility. The information provided is for educational purpose only. Please read the Disclaimer and accept all the risks. Thank you.

Have a good day

Leave a comment

Filed under English language, Euro FX analysis and trade setups videos

Articolo: I Pericoli nel Chiedersi “Perche’?”

Questo e’ il secondo di una serie di 4 articoli intitolati “Concetti Chiave per un Corretto Comportamento nel Trading – Una guida ai concetti rilevanti per un trading di successo in un mercato governato da High Frequency Trading (HFT) e Program Trading”,  focalizzato sui concetti piu’ importanti che ogni trader dovrebbe capire profondamente allo scopo di sviluppare un corretto approccio al trading, in un mondo dove la maggior parte del volume di trading e’ generato attraverso programmi computerizzati.

Ho scritto una introduzione all’eBook (al momento solamente in lingua inglese, ma presto la tradurro’ anche in italiano) con le prime due parti intitolate “The Bandwagon Theory” (“La Teoria del Carro Musicale”, solo in inglese, ma sara’ presto tradotta) e “The Dangers of Asking “Why?” (“I Pericoli nel Chiedere “Perche’?”, che trovate qui sotto in italiano). Continuero’ a lavorare alle altre sezioni dell’eBook. Si noti che sto anche lavorando sulla sezione piu’ importante che illustra un’applicazione pratica della Teoria del Carro Musicale usando i dati giornalieri del cambio EUR/USD. Questa sezione intitolata “The Psychology of Trading: the Bandwagon Theory illustrated” (“La Psicologia del Trading: la Teorica del Carro Musicale Illustrata”) sara’ solamente inclusa nel mio eBook gratuito che rendero’ disponibile sulla pagina dedicata del mio Blog). Questa serie di articolo e’ introdotta qui (al momento solamente in lingua inglese).

Nel mezzo di un trade chiedersi la domanda “perche'” e’ un chiaro segnale che il trader e’ intrappolato in uno stato di confusione e, forse, addirittura paralizzato ed incapace di agire. La domanda “perche?” che si presenti in un tale contesto e’ molto pericolosa. In effetti questa domanda e’ in generale pericolosa quando si ha a che fare con i mercati perche’ la reale motivazione del movimento del prezzo, o la mancanza di movimento, solitamente non e’ nota. Inoltre la ragione del movimento non e’ importante per gli obiettivi ed i risultati del trading.

Un trader potrebbe investigare le ragioni per cui qualcosa e’ accaduto nei mercati per puro interesse intellettuale, ad esempio, il motivo per cui un movimento in atto nell’ambito di un trend ben definito non sia continuato ma sia stato interrotto, con la conseguente inversione del prezzo. Quella di ottenere una spiegazione e’ una necessita’ per molte persone perche’ noi, come esseri umani, non accettiamo o ammettiamo la mancanza di controllo sul quanto ci circonda.

Razionalizzare e sapere il perche’ da alle persone una “illusione di controllo” sul mondo. Va bene chiedere “perche?“, ma non durante un trade; il campo di battaglia non e’ il luogo adatto per porre domande sul o mettere in dubbio il piano di trading cui il trader sta facendo riferimento. Nello stesso momento in cui un trader incomincia a dubitare del proprio piano di trading, quello dovrebbe essere un segnale di uscita dal mercato. La ricerca del “perche’“, cioe’ la ricerca di una ragione del comportamento del prezzo e’ la prova che il trader e’ confuso. Il giusto tempo per chiedersi “perche’?” e’ prima oppure dopo il completamento di un trade, cioe’ quando non si hanno risorse monetarie impegnate nel mercato. Durante la battaglia, cioe’ dopo che la posizione e’ stata inserita nel mercato, c’e’ solamente tempo per l’azione, non per le domande. Le ragioni per eseguire o non eseguire un trade dovrebbero essere raccolte e studiate prima del tempo o trovate dopo che si e’ usciti dal trade.

Spesso si sente dire che “il mercato e’ complicato e molto confuso“. L’autore non sottoscrive questo modo di pensare e ne dovrebbe lo studente del metodo di trading. Il mercato puo’ solamente fare una delle tre cose: muoversi al rialzo, al ribasso o muoversi lateralmente. Nonostante la semplicita’ dei movimenti, il trading non e’ “facile“, perche’ se cosi’ fosse non ci sarebbe necessita’ di insegnarlo. Mentre il trading non e’ certamente facile – perche’ richiede il giusto approccio psicologico, un approccio al rischio e alla gestione della posizione, oltre che un valido metodo di trading – la meccanica dei mercati e’ piuttosto semplice.

Un’azione o mercato futures puo’ solamente salire se i partecipanti sono maggiormente entusiasti nel comprare che nel vendere. Se questa giustificazione sembra ovvia, essa non e’ sufficiente per la maggioranza dei trader. Le persone desiderano invece sapere “quali siano le ragioni per cui i partecipanti sono piu’ interessati a comprare che a vendere“. Questo, ripeto, e’ dovuto alla necessita’ umana di controllo o si dovrebbe dire piuttosto, come gia’ ricordato, all’illusione del controllo. Ad esempio, se vengono diffuse notizie negative relativamente ad un titolo azionario ma il prezzo continua a salire, questo puo’ solamente significare una sola cosa: che i partecipanti che stanno acquistando (domanda) sono piu’ motivati di quanti invece non siano intenzionati a vendere (offerta) per via delle notizie (e non solo) e le notizie negative non stanno influenzando i mercati come ci si attenderebbe.

Ma per perche’ la vera motivazione dovrebbe essere importante? I trader sono nel trading business per guadagnare e non per aver ragione o indovinare la motivazione che si cela dietro un movimento del mercato, sia esso verso il basso o verso l’alto. Nonostante cio’, molti trader non riescono a sottrarrsi (erroneamente) a questa trappola mentale e spesso agiscono secondo quanto suggerito dalla logica, invece di agire in base a quanto il prezzo suggerisce di fare. Ma se il trader pensa attentamente a questo aspetto, allora dovra’ accettare l’idea che, se il prezzo sta salendo, allora esiste solamente un’azione possibile da fare e cioe’ comprare il mercato, nonostante le notizie negative. Che cos’altro e’ importante? Ogni volta che un trader si ferma a cercare il “perche’” il mercato si stia comportando in un certo modo, invece di concentrarsi su “cosa” il mercato stia realmente facendo, allora si presentano problemi all’orizzonte. Il perche’ e’ sempre riflesso nel prezzo del mercato cosicche’ e’ meglio focalizzarsi su “cosa” il mercato stia facendo, che e’ chiaramente molto piu’ importante, perche’ dal movimento del prezzo dipendono guadagni e perdite.

La dinamica del prezzo di un mercato spingera’ il trader impreparato a chiedersi “perche'” durante il trading, ma anche il metodo di trading e la disciplina del trader possono essere responsabili di questo comportamento. Il metodo di trading usato dall’autore funziona in modo consistente ma ‘perche?‘. Come trader e’ importante conoscere le ragioni per cui possiamo fidarci o meno di un metodo di trading. Inoltre in questo business e’ opportuno che idee di trading valide e funzionanti siano radicate in comportamenti di mercato oggettivi ed osservabili. L’autore ha una spiegazione razionale e provata del perche’ il metodo dei movimenti misurati usato funzioni realmente. La ragione e’ nell’esistenza del Program Trading e nel modo in cui e’ evoluto nei mercati odierni,prendendo direttamente in considerazione la psicologia di gruppo dei trader ed il loro comportamento.

Il Program Trading non si basa su news e notizie (sebbene alcuni algoritmi di High Frequency Trading si basano sui valori numerici nelle notizie rilasciate in giorni ed ore prestabilite), o situazioni contingenti, ma piuttosto sulla immodificata psicologia dei trader. Non conosciamo esattamente la logica e gli algoritmi usati dal Program Trading e, talvolta, non e’ immediato capire i livelli chiave da cui vengono considerati i ritracciamenti ed identificati i setup, ma la ripetuta partecipazione a livelli di prezzo specifici insieme al profit taking spesso eseguiti con la precisione del pip o del tick, sono fatti oggettivi e tangibili. Poiche’ gli effetti del Program Trading sono evidenti e fattuali, possiamo permetterci di sviluppare credenze in relazione ad esso. L’autore adotta la tecnica suggerita da Van Tharp con riguardo alle credenze utili: se una credenza e’ utile puo’ essere adottata anche se non se ne capisce totalmente il “perche'”, a patto che serva all’obiettivo.

L’obiettivo del trading e’ partecipare per fornire liquidita’ ai mercati e produrre profitto da tale partecipazione. Sapere “cosa” il prezzo stia facendo e’ la cosa piu’ importante, anche se non potremmo mai conoscere tutti i dettagli del “perche’” lo stia facendo. Il metodo di trading puo’ aiutare non solamente a capire “cosa” il prezzo stia facendo ma anche e soprattutto aiutare il trader a costruire un robusto trading plan, che eviti di doversi chiedere il perche’ durante un trade, oltre che al timing, o sincronismo, necessario ad entrare e uscire dal mercato in maniera corretta e consistente. Se questi sono gli obiettivi, conoscere il “perche'” di un movimento e’ totalmente irrilevante. Naturalmente il metodo di trading offre di piu’: idee a basso rischio, setup e livelli di ingresso, corretta gestione del rischio e della posizione, stop-loss, dimensione della posizione e livelli target di profitto.

Vi prego di farmi sapere cosa ne pensate. Grazie!

Se pensate che questa serie di articoli sia di interesse vi prego di condividerla con amici e colleghi trader. Grazie!

Leave a comment

Filed under Articles, eBook, Italiano (Italian language), Trading Method, Trading Plan, Trading Psychology